POGGIO CULTURA NOTIZIE

14.11.21      Reinhard Fritz     sulla sua pittura

31.03.21      Benedikt Stumpf      Atlantentisch

24.03.21      Johanna Rambeck-Peltner   il nostro giardino

18.02.21     Zoltán Barabás   il blu

17.02.21     Ulrike Kaiser   im Atelier im Atelier im Atelier …

06.01.21     Johannes Veit  ONDA

06.01.21     Reinhard Fritz  Corona

04.01.21     Ruben fun Hunter  Corona

02.01.21     Giancarlo Lepore   Clouds

14.11.2021 Messaggio di Reinhard Fritz

 

Vorrei continuare il mio percorso con pazienza e coerenza e raggiungere accenti di ulteriore sviluppo e miglioramento. Nel fare ciò, mi affido alla pittura su smalto, che presento con spontanea disinvoltura, cioè allo stile artistico che ho sviluppato, che inventa cifrari lirico-bizzarri dipinti con colori sottili, che solo gradualmente si rivelano come esseri chimerici di un doppio mondo: un doppio mondo di sogno e realtà, luce e buio, natura e tecnologia. Attraverso questo, credo di trovare sempre nuovi motivi e sfaccettature attraverso i quali la realtà si riflette in modo poetico.

 

Questi mondi pittorici, al limite del fantastico, sono sequenze di un cosmo infinito che si rivela in ogni opera, anche se viene a crearsi soltanto quadro per quadro. In questo modo, questi frammenti formali e colorati rendono visibile un mondo che può essere immaginato senza privarlo del suo fascino. La mia pittura trasmette un mondo che è determinato da visioni e sogni organici e lungimiranti e che unisce vita, natura e mistero in modo speciale. 

 

Dipingere nella pandemia è stato un esercizio nuovo per me, anche se conosco, apprezzo e ho assolutamente bisogno della quiete e della solitudine dello studio. Ma come posso mantenere l’accesso alle fonti della mia immaginazione in una tale situazione? Quando dipingo, queste fonti si aprono semplicemente come hanno sempre fatto, o devo provocarle? 

 

Concentrato e ben sveglio, in uno stato di coscienza tra il sogno e la veglia, colgo ciò che succede sulla superficie dell’immagine. Per questo devo guardare attentamente e continuare a farlo. Come sempre, il vedere è un atto di equilibrio e un tentativo di trovare un punto d’appoggio nel vago, come quando si effettua una mappatura delle nuvole. 

 

Le ombre dipinte creano un’idea di spazio e giocano, sulla carta piegata, con la spazialità reale della superficie del quadro. 

 

In una situazione del genere si creano forse pensieri di un nuovo inizio?

 

Scopri di piu di  Reinhard Fritz

31.03.2021 Messaggio di Benedikt Stumpf

 

 

.Tavolo degli Atlanti

 

.

 

50 anni fa, la formazione di un insegnante d’arte comprendeva, tra le altre cose un certificato di lavorazione del legno. Molto, molto tempo fa
il mio pezzo da lavorare in quel momento era un tavolo con incastri di legno che un falegname di solito applica.
Una gamba del tavolo aveva un atlante inginocchiato come accento figurale. Per decenni questa figura ha pazientemente gestito da sola la sua funzione di supporto nella tavola.
L’intaglio del legno significa lo scoprimento di una figura già presente. È un’occupazione ideale per un occhio acuto e un successo per una visione più acuta e una successiva elaborazione dell’interiorità
È un’occupazione ideale per un occhio acuto e un successo per una visione più acuta e una successiva elaborazione delle immagini interiori. Ai tempi della pandemia tre ulteriori atlanti sono venuti in “superficie” e molto tempo dopo offrono supporto del tavolo in vetro.

Marzo 2021, Benedikt Stumpf

 

Foto della tavola

 

Scopri di piu di Benedikt Stumpf

 

24.03.2021

 

Il nostro giardino

Johanna Peltner-Rambeck

 

Questo giardino è situato su un ripido pendio, se lo si guarda dalla casa, sembra che sia sempre stato qui, esattamente come ora. E invece il giardino ha sempre bisogno di nuove mani e nuove menti, di falci, falcetti, forbici, e anche di cestini, dove mettere le cose tagliate e raccolte per farle cadere oltre il bordo del compost verso l’ignoto.
Il giardino mostra tutta la sua bellezza quando lo sguardo scivola in lontananza; tutto sembra giacere in un ordine meraviglioso, giù fino alla linea scintillante del mare.
Lì il giardino viene dimenticato, eppure c’è. Senza di lui la casa sarebbe in balia dell’esterno, l’ignoto vi si potrebbe insinuare, e nessuno potrebbe dirsi certo delle sue buone intenzioni.
Il giardino è un mediatore. Oltre il suo recinto ogni tanto volano parole di saluto verso la curva che la strada fa in quel punto, e altre ne tornano indietro, risate, simpatia, rimpianto, rassicurazione. Il giardino quindi può essere considerato l’interno e solo al di sopra della recinzione c’è l’esterno, anche se ogni tanto per un attimo la sensazione di confine scompare.
Se poi nello stesso momento si alza il vento, allora il giardino diventa l’interno e l’esterno in egual misura e questa ambiguità richiede una decisione. Stare fuori e godersi l’incontro con il vento, stare fuori e lasciare che l’ignoto si avvicini, sopportare? O magari stare fuori e voler portare tutto dentro perché niente venga danneggiato? La soglia impone una scelta, non si può trovare pace restando sulla soglia.
Se si è in casa, a volte si sente il richiamo del giardino. Ciò che lui esige spesso ricorda Madama Holle: “Falciami, taglia le cose appassite, spazza le mie scale!”. Le brave figliole eseguono le sue richieste. Lo fanno perché è doveroso, perché la ragione si oppone alla crescita selvaggia, perché si calmano facendo, si calmano perché mentre si tengono occupate non devono dare vita a progetti propri, il giardino non chiede altro che di essere tenuto e curato. Fiorire può farlo da solo.
Da solo parla con il tempo, eppure capita che la tempesta gli spezzi un ramo grande, che gli getti sull’erba piccoli legnetti. “Tagliare e ripulire”, grida allora, e offre in cambio una panchina a lavoro finito.
Una panchina tra i cespugli di rose. Lì, se è già arrivato il crepuscolo, al giardino piace avvolgersi di malinconia, con nostalgici, melodici frammenti di Lieder di Schubert. Dalla quasi oscurità, il giardino, nello stile dei vecchi maestri, trae luce dalle rose, mette da parte la sua natura a favore dei sogni. Lascia che la panchina fluttui, le piante dei piedi non sentono né la terra né le scarpe. Creature sbirciano dagli alberi e gli uccelli si esercitano nella parafrasi, a testa in giù. Se rimani lì, forse il giardino ti farà fare un viaggio. Non ha forse anche Alice avanzato carponi attraverso il buco di un albero? Sì, cantano i rospi e i grilli costruiscono scale di Escher verso il basso e verso l’alto in un mondo all’ incontrario.
Quando per terra si sente un fruscio, quando le foglie tradiscono un animaletto, dai giorni dell’infanzia affiora la storia di un buon topo di campagna. Un topolino con una casetta dalle pareti di terra, tutto semplice e carino con un letto da topolino per sette bambini e senza quasi niente da mangiare. Per questo il topo buono deve uscire, vuole fare visita al topo di città ed elemosinare, ma quanti pericoli! Topino, anche qui nel giardino ci sono gatti selvatici e vipere. La natura è natura, anche nella terra coltivata, una fine è sempre definitiva. Solo la terra va sempre avanti, con l’acqua che sale e con l’acqua scende.

18.02.2021

“Per riempire il vuoto artistico creato dagli ultimi mesi di Corona, Zoltán Barabás ha trasmesso la sua installazione audiovisiva “The Blue” in diretta su Facebook nell’estate del 2020. Così facendo, ha voluto mantenere l’arte viva e tangibile anche in questi tempi. Ecco la registrazione dell’azione su YouTube.”
.

 

17.02.2021

Ulrike Kaiser, che oltre ad essere un’artista è anche un’insegnante d’arte in una scuola secondaria, scrive:
“Sono molto occupato con la scuola in questo momento, sempre stare seduto a una scrivania e tutte le conferenze online stanno risucchiando tremendamente l’energia…. Non avrei mai pensato di farlo. Andare in studio è ancora difficile per me, il lavoro artistico ristagna…
Tuttavia, ecco due foto (1.Studio nel studio nel studio nel…, 2. Produzione virale), che siete invitati a mettere sul sito – è così che mi sento – un po’ come in una capsula…
.
                                Atelier im Atelier im Atelier …
                                   

06.01.2021

Messaggio di Johannes Veit

 

ONDA – catturare il mare

 

 

 

 

 

 

 

.

.

.

Onda, l’onda, la porto dalla spiaggia delle Marche italiane sul lago di Garda.

 

Fortunatamente, alla fine dell’estate di Corona, nel settembre 2020 ho potuto ancora lavorare all’Atelier a Poggio e continuare a pianificare il progetto del Poggio Festival per il 2021 con Hanna e Hans.

 

Come ogni anno, le idee e i sogni di mare, sole, paesaggio del sud sono confluiti nei dipinti. Sulla via del ritorno ho visitato un collezionista del lago di Garda che vuole ridisegnare la sala da bagno della sua casa di Limone con un mosaico murale:

Onda è progettato come un mosaico murale con tessere e specchi unici e resistenti al gelo.

Il design del mosaico sarà sviluppato utilizzando modelli in miniatura. Le piastrelle saranno dipinte singolarmente e poi cotte in un laboratorio di ceramica a Diessen.

 

L’opera tematizzerà il paesaggio mediterraneo marchigiano nella sua coloritura e struttura e, attraverso l’idea della riflessione, porterà la natura del lago di Garda nello spazio aperto della sala piscina. In questo modo, due paesaggi si collegano virtualmente e si riflettono artisticamente.

Le zone di progettazione devono essere la parete lunga e la parete finale sopra la superficie dell’acqua.

 

Al momento il progetto può essere visto sulla base di schizzi e foto in loco e piccole bozze in collage di carta/specchi.

 

Progetto “Onda” Lago di Garda/ Limone

 

 

Qui si trova il sito di Johannes

 

 

06.01.2021

Anche Reinhard Fritz si è occupato artisticamente di “Corona” come si può vedere qui

 

 

Qui si trova il sito die Reinhard

 

 

04.01.2021

Sotto l’impressione della pandemia Ruben fun Hunter ha creato alcune stampe in un’edizione di 15 fogli per motivo – sono disponibili per l’acquisto e costano 150 – 170€.

 

 

Foto

 

Qui si trova il sito di Ruben

 

 

02.01.2021 - Messaggio di Giancarlo Lepore

 

Hallo Johanna & Co

 

Viele gruesse … und glueckwuensche
SPERIAMO IN TEMPI MIGLIORI …
… tanti tanti auguri !!!

 

 

Sculture di Carta – Progetto CLOUDS – https://issuu.com/giancarlolepore/docs/clouds2020 

 

Qui trova il sito di Giancarlo!

 

 

Novembre 2020

Scambio culturale europeo Poggio San Marcello senza scopo di lucro offre un corso di tedesco online senza pagamento per tutti coloro che hanno già una certa conoscenza della lingua tedesca. La registrazione avviene tramite:
poggiocultura@icloud.com
Possiamo concordare gli orari, potremmo anche correggere e discutere i testi di cui gli studenti hanno bisogno per le lezioni.

This function has been disabled for PoggioCultura.